Prova di tenuta impianto UNI 7129:2015

La prova di tenuta di un impianto gas è una verifica da effettuare per constatare l’assenza di dispersioni di gas, deve essere fatta in occasione della nuova realizzazione di impianti gas, in caso di rifacimenti parziali o manutenzione straordinaria e nel caso di sostituzione degli apparecchi.

La verifica di tenuta deve essere effettuata prima della messa in servizio dell’impianto; per impianti domestici e similari asserviti ad apparecchi utilizzatori aventi singola portata termica nominale inferiore a 35 Kw può essere fatta secondo le modalità previste nella norma UNI 7129, che inquadra gli impianti secondo due macrocategorie:
1)    Nuova realizzazione o rifacimento totale;
2)    Rifacimento parziale o di interventi di straordinaria manutenzione.

La verifica di tenuta nei casi di rifacimenti parziali o di interventi di straordinaria manutenzione, prevede l’applicazione del metodo diretto o indiretto le cui procedure sono indicate all’interno della norma UNI 11137, mentre nei casi di realizzazione di nuovi impianti è la stessa UNI 7129 che fornisce tutte le indicazione necessarie per effettuare la prova.
L’intera procedura prevede le seguenti modalità:
1) Si inseriscono dei tappi a tenuta a valle di ogni rubinetto d’utenza e a monte del punto di inizio;
2) Tramite la presa pressione si immette aria o gas fintanto che l’impianto non abbia raggiunto la pressione maggiore di 100 mbar e inferiore a 150 mbar;
3) Si attende un tempo di almeno 15 minuti necessario a stabilizzare la pressione e si effettua una prima lettura;
4) Si attendono ulteriori 5 minuti per effettuare una seconda lettura che deve rilevare una caduta di pressione non maggiore dei valori riportati nella tabella seguente:

 

Volume impianto interno (l) Caduta di pressione (mbar)
V≤ 100 0.5
100 < V ≤ 250 0.2
250 < V ≤ 500 0.1

 

Nelle precedente edizione la seconda lettura andava eseguita dopo 15 minuti e il manometro non doveva rilevare alcuna caduta di pressione, con questa nuova revisione di norma sono ammesse minime cadute di pressione purché relazionate al volume di impianto.

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *